Par la lea

Par la lea (Lungo il viale), edizione numerata in dialetto vercellese, 3 voll., Vercelli 1982

Il libro è ispirato alla figura e alle vicissitudini del padre di Nino, Luigi (Lüisin), che l’autore immagina mentre, ormai anziano, ricorda gli anni passati come emigrante in Argentina.

Da Par la lea :

Na cursa ‘ntal temp da la fin dl’eutsent al neufsentsinquanta ‘ntla Bassa Varsleisa e ‘n Argentina

J’è ‘nsün par la stra. ‘L fa trop càud e j’è nen an fil d’aria. L’è pen-a sunà mesbot; la gent l’è ‘n ca’ ch’a la disna. D’ant ina curt ai sort n’om, già d’età, cun la bici par man…

(Una corsa nel tempo dalla fine dell’Ottocento al 1950 nella bassa vercellese e in Argentina.

Nessuno per la strada. Fa troppo caldo e non c’è un filo d’aria. È appena suonata la mezza; la gente è in casa a pranzare. Da un cortile esce un uomo, già d’età, con la bici per mano…

Traduzione di Mariagrazia Carlone)