Ancuntressi

Ancuntressi (Incontrarsi), inedito, Vercelli 2003

Ispirato alla figura del nonno materno, è l’ultimo libro scritto da Nino Carlone.

Da Ancuntressi :

Quand s’è vecc …

L’è l’istà dal 1933.
Par la stra che la riva da Casà, che la traversa ‘l paìs a Vilaneuva e peu cui dla ‘Bassa’ Varsleisa, a cumincé da La Mota, par rivé a Varséi, al ven an sà a pé, dasiot dasiot, n’om vecc, tüt sul.
L’è partì da Carzan-a ‘nt la matinà; dess l’è ormai pütost tardi da dop disnà e l’è rivà ‘n vista di Capüssin, dop avéi traversà Psan-a e Plareù.
‘L sul al pica ‘mplacabil; ma lü ‘l mola nen l’andüra …

(Quando si è vecchi…

È l’estate del 1933.
Per la strada che arriva da Casale, che attraversa il paese a Villanova e poi quelli della “Bassa” vercellese, a cominciare dalla Motta, per arrivare a Vercelli, viene avanti a piedi, adagio adagio, un uomo vecchio, tutto solo.
È partito da Caresana in mattinata; adesso è ormai  piuttosto tardi nel pomeriggio ed è arrivato in vista dei Cappuccini, dopo aver attraversato Pessana e Prarolo.
Il sole picchia implacabile; ma lui non rallenta l’andatura…

Traduzione di Mariagrazia Carlone)