Poesie

Piccola scelta di poesie scritte fra gli anni Sessanta e i Duemila, in italiano o in dialetto.

FERRAGOSTO CITTADINO

Sbadiglia il sole nel cielo fosco,
tendono gli alberi le verdi chiome
nell’aria immota.
Pigri si stirano gli spazi vuoti
dei parcheggi
mentre una macchina passa,
timida come un’intrusa.

Per le vie deserte,
tra negozi chiusi,
radi passanti scambiano
furtivi sguardi d’intesa.

Una campana mattutina
chiama i rimasti alla preghiera;
mentre un bar, aperto, nel rione
porge un fazzoletto di frescura.

RONDINI E BIMBI

L’ultime rondini s’attardano
nel ciel che si scolora,
mentre le luci occhieggiano
nella città.

Nostalgia d’innocenza
-rondini e bimbi,
albe e tramonti,
vita che scorre limpida
come l’onda dei ruscelli-
mi struggi e mi consoli,
in quest’ora estatica,
nella vita affaticata
che ogni giorno affronto.

TROPPO LUNGO IL GIORNO…

Troppo frastuono per le strade
nel giorno troppo lungo
dell’estate dispersa.
Troppi mi serrano, mi spingono
ovunque, sempre…

Mia la sera,
mio il mattino:
posso sentire alfine
battere il cuore,
scorrere i pensieri,
in armonia
con le garrule rondini,
con le tremule stelle.

CREPUSCOLO

Brividi di luce anelano
tra le fulve nubi;
e l’imminente sera
con le materne braccia
-profumate di brezza-
protegge gli ultimi voli
delle rondini, sghembi,
laggiù verso il fiume.

Pescatori solitari affondano,
con le lenze abbandonate,
pensieri tristi e stanchi
sull’acqua immota.
In lontananza crepita
un fuoco dimenticato.

Solo sul ponte fremono
delle macchine incolonnate
nel giorno che muore.

INVER AL MAR (Inverno al mare)

‘L ciel l’è gris, l’è gris al mar
lì d’adnan a mi, sensa vol;
i barchi, strachi, ai bugiu nen.
I’è mach di vecc: ai van dasiot
e sü e giü, par passé ‘l temp,
tüti citu e malcuntent…

Ma par furtün-a, lì daré,
cun mami giùuni j’è di masnà
-fatin-i beli e mascarin-;
ja sgaju e ‘i gieugu spensierà…
Duman al sul ancù ‘j sarà
e donch alégar! Carvé ‘l rivrà!

(Il cielo è grigio, grigio è il mare
lì avanti a me, senza voli;
le barche, stanche, non si muovono.
Ci sono solo dei vecchi: vanno adagino
e su e giù, per passare il tempo,
tutti zitti e scontenti…

Ma per fortuna, là dietro,
con giovani mamme ci sono dei bambini
– belle fatine e mascherine -;
gridano e giocano spensierati…
Domani il sole ci sarà ancora
e dunque, allegri! Carnevale arriverà!)

LA BARGAMIN-A (La mandria)

Dalin…Dalan… La bargamin-a va,
cun l’aria frësca: ‘l sul l’è ‘ncù luntan;
iün-a ‘press l’autra, i tëti chì e là
i balu mè ‘j ciochi ch’ai pendu ‘dnan.

‘D culi i van dasi, i cilocu ij teston,
dj’autri ‘s fermu, curiusi, a vardé;
iün-a, peu n’autra, i mangiu ‘n bucon
ad fen par la stra e ‘j turnu marcé.

Di sonti pistà… ma ‘nsün sa scumpon;
quai brücc ognantant ma… ’nmach a la stra!
Apress, apress, sens’autra rason
che ‘ndé mangé dl’erba là sü ‘nt ij pra.

D’adnan al pastur al marcia dasiot,
‘l varda ‘j muntagni, ij pra beli là :
par dì e par sman-i- cun quai fagot,
i vachi e ‘l can- là ‘j sarà la so ca’.

(Dalin… Dalan… la mandria se ne va,
nell’aria fresca; il sole è ancor lontano;
una e poi l’altra, oscillan le mammelle
e i campanacci appesi avanti a loro.

Alcune, lente, menano i testoni,
altre, fermate, guardano curiose;
e l’una, e l’altra, mangiano un boccone
di fieno per la strada; e via, a marciare.

Lo sterco calpestato… non gl’importa;
qualche muggito… ma solo alla strada!
Avanti, avanti, senz’altra ragione
che andare a mangiar erba, su, nei prati.

Adagio va il pastore, camminando,
e guarda le montagne, e là quei prati:
per giorni, e settimane, i suoi fagotti,
le mucche e il cane, a lui saranno casa.)

(le libere traduzioni dal dialetto sono di Mariagrazia Carlone)